Museo Galileo
Portale Galileo
english

1. Introduzione

Un vero e proprio scontro tra teologia e autonomia della scienza portò Galileo ad esporre le proprie ragioni in alcune lettere indirizzate a personalità a vario titolo coinvolte, che vanno sotto il nome di Lettere copernicane.

Il domenicano fiorentino Niccolò Lorini - predicatore generale dell'Ordine, nonché lettore di Storia ecclesiastica presso lo Studio di Firenze - il giorno dei morti del 1612 aveva duramente attaccato le tesi copernicane, come veniamo a sapere da una lettera inviata allo stesso Galileo, nell'intento di minimizzare la propria sortita.

Il Lorini denunciava apertamente la presunta inconciliabilità tra le tesi eliocentriche e il testo della Sacra Scrittura, e prendeva accanitamente posizione contro Galileo, che vedeva così aprirsi un nuovo fronte nella polemica, cui si troverà costretto negli anni a venire a replicare articolatamente (seppure, in definitiva, con scarso successo), lanciandosi in un ambito che esulava alquanto dal terreno strettamente scientifico.

Versione ridotta